Nazionale: Gloria Chiarotto racconta la sua prima convocazione in azzurro

  • 8 Luglio 2022
  • News
  • 218 Views

La Pallamano Mestrino continua la tradizione di crescere nella propria cantera atlete degne di indossare la maglia azzurra della Nazionale: l’ultima in ordine temporale è Gloria Chiarotto, pivot classe 2006 e colonna portante sia della formazione Under 17 che della formazione di Serie A2, e con tutte le carte in regola per il salto in prima squadra.

Gloria è stata convocata dal C.T. Ljiljana Ivaci nella Nazionale Under 16 che ha disputato lo scorso weekend un training camp a Zara, in Croazia, che ha segnato il debutto di questa classe di Azzurrine in campo internazionale, con tre test-match contro le coetanee croate.

«È un’esperienza che mi è piaciuta molto, dove ho legato da subito con le mie compagne e ho imparato alcuni aspetti tecnici nuovi, e sono consapevole che dovrò migliorarne ancora molti. Mi è piaciuto il rapporto con i tecnici, che sono stati molto aperti con le atlete per qualsiasi informazione e hanno da subito iniziato a darmi consigli», dice Gloria. «Abbiamo giocato tre partite contro le nostre coetanee croate, rispetto a cui siamo ancora un passo indietro (loro si allenano insieme da un paio d’anni), perdendo la prima, pareggiando la seconda e vincendo la terza. La prima gara era il nostro debutto, la prima giocata insieme come squadra e la sconfitta certifica che non eravamo ancora in sintonia anche al netto degli errori individuali; nella seconda siamo migliorate nella conoscenza reciproca e nell’unione e ciò si è visto in campo, riuscendo a pareggiare la partita; nella terza abbiamo giocato contro le loro seconde linee e siamo riuscite a spuntarla, giocando più di squadra e meno da elementi di squadre diverse. Sono anche riuscita ad andare a segno in ogni partita».

E conclude: «È sempre stato un sogno indossare la maglia azzurra e in questa occasione ho potuto realizzarlo, sperando di poterla indossare anche in futuro alle prossime selezioni. Sono partita per questa esperienza sapendo che, in qualsiasi modo sarebbe andata, sarei tornata a casa con una conoscenza in più sulle spalle, un’esperienza di vita non solo nello sport ma anche in ambito sociale, dove ho potuto conoscere meglio ragazze che prima vedevo solo come avversarie e non come compagne di squadra».

La Società desidera esprimere a Gloria il proprio orgoglio per la sua prima convocazione azzurra, e le augura di impegnarsi al massimo per ottenere nuove opportunità di indossare la maglia della Nazionale.

Condividi: